Home > Poesie > I bambini stanno bene > Introduzione e Recensioni

Introduzione e Recensioni

Y.Klein - Monocromi

Dal SAGGIO INTRODUTTIVO di Daniele Leoni

La poesia di Tiziana Soressi ci fa ritrovare il sapere perduto di quella ricchezza e dignit dei bambini, coinvolgendoci nel loro mondo fatto di sogni, allegria e tenerezza...Con concretezza quotidiana e proiezione onirica, la poetessa restituisce ai bambini quel dominio naturale che gli spetta. E allo stesso modo con grande fermezza i suoi versi si oppongono, fanno da scudo ad ogni violenza...

Fortissimo e costante, in Soressi, questo interessse per un verso semplice ma sorretto da un solido impianto metaforico che si muove tra gli elementi della natura e quelli della realt quotidiana. La metafora rappresenta l'unico modo, trra un reticolo di plurime cosrrispondenze tematiche, per dipingere, come un grande affresco, tutti gli aspetti della fanciullezza. Cos i bambini sono fiori nel giardino della vita..., ma ogni bambino la natura: una rosa, una stella, un girasole.

Nel grande territorio di questo affresco mentale e onirico, forte l'urlo e il ricordo di quei bambini caduti come angeli a acausa della guerra, delle guerre come in Ossezia, dove l'impianto nominale della lirica ci suggerisce una visione apocalittica dell'evento...

La tensione narrativo-descrittiva nel nulla e nel tutto del mondo in cui viviamo, si ferma per un istante su quei fatti e quelle situazioni che abbracciano il rapporto madre-figlio. Situazioni drammatihe come in Il Mostro.

In quest'infinito universo di speranze anche le figure delle donne senza ali e senza parola rappresentano l'unica certezza di poter restituire ai bambini la loro regalit e alle donne stesse quel diritoo di emanciapzione non ancora raggiunto come in "Donne di stoffa" e in "Kandahar by night".

Non solo bambini, dunque. Il titolo dell'intera raccolta si intitola appunto I Bambini stanno bene, un titolo esplicativo, ironico e allo stesso tempo fuorviante. I bambini, diremo allora, non stanno bene, e questo rappresenta il paradosso tra la cornice testuale di forte iconicit e la portata ideologico-poetica delll'intero libro.

ll viaggio della Soressi nei luoghi dell'assenza di ogni moralit e di ogni dignit, persegue il fine ultimo di una "poesia lustrale" nella progressiva ricerca di un dove di infinita purezza. I suoi versi sono un dialogo d'amore che tentano almeno di recuperare, dalla frantumazione di ogni fisicit e di ogni coscienza, una speranza che si pone un solo interrogativo

RECENSIONE di Flavio Casella

Tiziana Soressi, I bambini stanno bene (poesie), Edizioni Progetto Cultura 2003, 2005
Non poteva mancare, in questo elenco, un libro di poesia, genere negletto da pubblico ed editoria quant'altri mai. E non a caso ancora Tiziana Soressi l'autrice scelta per questa escursione dalla narrativa: una scrittrice ugualmente a suo agio con la prosa come con la poesia: una poesia immediata ed essenziale, (apparententemente) poco elaborata ma in realt attentamente rifinita anche sul piano stilistico.

http://amezzanotteinpunto.splinder.com/

RECENSIONE di Sergio Gandrus

La raccolta di poesie di Tiziana Soressi non ha come argomento unico i bambini.
Direi che il tema di maggior peso sia l'ingiustizia.
E' palese che nel nostro e in ogni tempo le maggiori e pi semplici vittime siano sempre state i bambini ma essi non sono gli unici.
Poi vengono le donne, i poveri, i deboli.
La poesia dela Soressi concitata e spezzata. Fatta di singole parole che spesso si rifanno alla natura

"Penna implume
d'aglio
olio e ricotta
nuvola bianca
sfinita
fianco di mela
albicocca di mare
gaudio eterno
soffio la vita.
...."

"I bambini
saltano
in aria come
i palloni
a Bagram.
Si sollevano in alto
leggeri
su due
gambe
una gamba
niente gamba.
...."

Altre volte le parole sfumano in una dimensione vagamente onirica

"La terra
tirata
di sbieco
come un grido
di viola."

Le poesie sono grida di dolore ma anche canti di speranza che se hanno un nome questi sono i bambini.
http://www.librando.net/content/view/3695/2/

READING SAN GIORGIOFesta dei Libri e delle Rose

23 aprile 2005 Milano - Caff Sforzesco- Via Dante ore 14,30

La poesia di Tiziana Soressi sottolinea la ricchezza e il senso di dignit del bambino, coinvolgendo il lettore in un mondo di sogni e tenerezza, ma ricordando che linnocenza spesso muore per la ferocia dei grandi.
Reading dellautrice

http://www.lafestadeilibriedellerose.it/programma.htm